TEATRO GAVARDO

IL COLORE DELLA

PIOGGIA

Andrea Giustacchini in Il colore della pioggia La storia di un uomo in Piazza Loggia il 28 maggio 1974   Liberamente ispirato all'omonimo fumetto di Chiara Abastanotti e Chiara Onger Adattamento ai testi di John Comini Musiche originali di Luca Lombardi Regia di Peppino Coscarelli Collaborazione tecnica di Sara Ragnoli   Un giorno di maggio un signore con l'ombrello parte in corriera dal suo paese per andare a Brescia: deve acquistare un vestito per le sue prossime nozze. E' la mattina di martedì 28 maggio 1974 e piove. Il signore con l'ombrello racconta quella giornata, ricorda voci, rumori. Percorre i portici di Corso Zanardelli e Piazza Loggia, poi ad un tratto sente uno scoppio. Il tempo pare sospeso: vede le disperate immagini di piazza della Loggia, di quelle vittime. Testimone inconsapevole di uno dei fatti più tragici della nostra storia italiana, si trova immerso in un fiume di gente che grida, che piange, che si domanda le ragioni di tanto male. Ritornerà a casa con negli occhi e nel cuore il ricordo indelebile di quella strage. Lo spettacolo è dedicato alla memoria delle vittime e a tutti coloro che cercano la giustizia.  scarica la locandina in pdf
TEATRO GAVARDO

IL COLORE DELLA

PIOGGIA

Andrea Giustacchini in Il colore della pioggia La storia di un uomo in Piazza Loggia il 28 maggio 1974   Liberamente ispirato all'omonimo fumetto di Chiara Abastanotti e Chiara Onger Adattamento ai testi di John Comini Musiche originali di Luca Lombardi Regia di Peppino Coscarelli Collaborazione tecnica di Sara Ragnoli   Un giorno di maggio un signore con l'ombrello parte in corriera dal suo paese per andare a Brescia: deve acquistare un vestito per le sue prossime nozze. E' la mattina di martedì 28 maggio 1974 e piove. Il signore con l'ombrello racconta quella giornata, ricorda voci, rumori. Percorre i portici di Corso Zanardelli e Piazza Loggia, poi ad un tratto sente uno scoppio. Il tempo pare sospeso: vede le disperate immagini di piazza della Loggia, di quelle vittime. Testimone inconsapevole di uno dei fatti più tragici della nostra storia italiana, si trova immerso in un fiume di gente che grida, che piange, che si domanda le ragioni di tanto male. Ritornerà a casa con negli occhi e nel cuore il ricordo indelebile di quella strage. Lo spettacolo è dedicato alla memoria delle vittime e a tutti coloro che cercano la giustizia.  scarica la locandina in pdf