TEATRO GAVARDO

QUI TRA LE ROCCE

E IL CIELO

Andrea Giustacchini  in QUI TRA LE ROCCE E IL CIELO  La Grande Guerra in montagna Testo di John Comini liberamente tratto dal libro di Maurizio Abastanotti "Del mio lungo silenzio" Musiche originali di Luca Lombardi Video di Sara Ragnoli Regia di Peppino Coscarelli   Dopo   le   70   repliche   de   "La   guerra   negli   occhi"   tratto   dal   libro   (giunto   alla terza     edizione)     "A     chi     dimanda     di     me"     di     Mauro     Abastanotti (Liberedizioni),    Andrea    Giustacchini    torna    a    raccontare    la    storia    dei nostri   soldati   in   quella   catastrofe   che   fu   la   Grande   Guerra.   Il   racconto percorre   tutti   gli   anni   della   guerra,   da   quando   l'Italia   era   neutrale   (1914)   all'entrata   in   guerra,   fino   alla   vittoria   finale   ed   al   ritorno   a   casa.   Il protagonista   della   vicenda   è   un   ragazzo   delle   nostre   valli,   che   abita   in   un   piccolo   paese,   lavora   nei   campi   ed   è   innamorato   di   una   ragazza. Quando viene arruolato nel Corpo degli Alpini, si trova in poco tempo a combattere la guerra in montagna: ogni cima, ogni ghiacciaio, ogni crepaccio, ogni roccia, sono una sfida assoluta: freddo intenso, fatiche inenarrabili, condizioni penose. I   nostri   alpini,   caricati   fino   al   limite   delle   forze,   con   marce   di   15   ore,   attraversano   ghiacciai   e   salgono   fino   a   quote   di   oltre   3000   metri, portando   la   paglia   per   dormire.   Il   traino   di   un   enorme   cannone,   la   costruzione   di   gallerie   nel   ghiaccio,   l'arrampicarsi   sui   ripidi   canaloni della   dorsale   rocciosa,   anche   con   scale,   tra   passerelle   di   corde   sul   vuoto,   sotto   il   rombo   dei   cannoni   e   delle   mitragliatrici   degli   austriaci   in posizione   più   alta,   dormendo   all'addiaccio.   Stare   di   guardia   sulle   vette,   per   di   più   mal   ricoperti,   è   uno   dei   più   duri   sacrifici,   soprattutto   di notte   e   nelle   albe   gelide   per   la   tormenta;   quando   i   sensi   sembrano   impazzire   davanti   al   vuoto   e   lo   sguardo   sembra   non   trovare   un   punto su cui posarsi…C'è poi l'insidia delle valanghe che in un attimo ti travolgono e ti seppelliscono. Il   nostro   protagonista   diventa   innocente   testimone   della   tragedia   della   guerra,   combattuta   con   il   sangue   di   tanti   piccoli   grandi   uomini come lui. Entrambi   gli   eserciti   sferrano   attacchi   dai   promontori   e   dalle   sporgenze   rocciose,   arrampicandosi   e   calandosi   carichi   di   granate   e   bombe   a mano   da   lanciare   sui   nemici.   Intanto,   il   freddo,   le   slavine,   le   malattie   e   la   fame   proseguivano   il   loro   lavoro   uccidendo   chi   non   moriva   in altro   modo.   Morti   inutili,   condizioni   penose…   Per   fortuna   ha   alcuni   compagni   d'arme   con   i   quali   condividere   ogni   giorno   (che   può   essere l'ultimo),   dividere   il   rancio,   ed   una   lampada   a   petrolio   in   cui   scrive   commoventi   lettere   alla   sua   morosa,   nel   freddo   delle   notti   trapuntate   di stelle….   Ma   c'è   anche   lo   scambio   di   auguri   con   i   nemici,   poveri   soldati   travolti   anche   loro   da   quell'immane   tragedia.   E   le   lettere   che   non giungono, a causa della censura che stende un velo sugli orrori della guerra, enfatizzando solo gli eventi positivi… Attraverso   le   toccanti   parole   del   protagonista,   che   racconta   la   verità   umana   della   guerra,   il   pubblico   è   immerso   in   una   storia   in   cui   a momenti lancinanti si affiancano episodi di toccante umanità e anche di sano umorismo. Lo   spettacolo   è   liberamente   ispirato   al   libro   di   Maurizio   Abastanotti   "Del   mio   lungo   silenzio"   (Liberedizioni),   ma   con   rimandi   a   Lussu, Gadda, Ungaretti e a Remarque (l'autore di "Niente di nuovo sul fronte occidentale"). Come   già   per   "La   guerra   negli   occhi"   e   per   "Dov'è   Nicolajewka?"   ,   anche   questo   spettacolo   può   divenire   una   proposta   per   istituzioni, associazioni e scuole impegnate nel ricordo di una delle pagine più strazianti e umane della storia del nostro Paese.  scarica la locandina in pdf
TEATRO GAVARDO

QUI TRA LE ROCCE

E IL CIELO

Andrea Giustacchini  in QUI TRA LE ROCCE E IL CIELO  La Grande Guerra in montagna Testo di John Comini liberamente tratto dal libro di Maurizio Abastanotti "Del mio lungo silenzio" Musiche originali di Luca Lombardi Video di Sara Ragnoli Regia di Peppino Coscarelli   Dopo   le   70   repliche   de   "La   guerra   negli   occhi"   tratto   dal   libro (giunto   alla   terza   edizione)   "A   chi   dimanda   di   me"   di   Mauro Abastanotti     (Liberedizioni),     Andrea     Giustacchini     torna     a raccontare   la   storia   dei   nostri   soldati   in   quella   catastrofe   che fu   la   Grande   Guerra.   Il   racconto   percorre   tutti   gli   anni   della guerra,    da    quando    l'Italia    era    neutrale    (1914)    all'entrata    in guerra,    fino    alla    vittoria    finale    ed    al    ritorno    a    casa.    Il protagonista   della   vicenda   è   un   ragazzo   delle   nostre   valli,   che abita   in   un   piccolo   paese,   lavora   nei   campi   ed   è   innamorato   di una   ragazza.   Quando   viene   arruolato   nel   Corpo   degli   Alpini,   si trova   in   poco   tempo   a   combattere   la   guerra   in   montagna: ogni   cima,   ogni   ghiacciaio,   ogni   crepaccio,   ogni   roccia,   sono una     sfida     assoluta:     freddo     intenso,     fatiche     inenarrabili, condizioni penose. I   nostri   alpini,   caricati   fino   al   limite   delle   forze,   con   marce   di 15   ore,   attraversano   ghiacciai   e   salgono   fino   a   quote   di   oltre 3000   metri,   portando   la   paglia   per   dormire.   Il   traino   di   un enorme    cannone,    la    costruzione    di    gallerie    nel    ghiaccio, l'arrampicarsi   sui   ripidi   canaloni   della   dorsale   rocciosa,   anche con   scale,   tra   passerelle   di   corde   sul   vuoto,   sotto   il   rombo   dei cannoni   e   delle   mitragliatrici   degli   austriaci   in   posizione   più alta,   dormendo   all'addiaccio.   Stare   di   guardia   sulle   vette,   per di   più   mal   ricoperti,   è   uno   dei   più   duri   sacrifici,   soprattutto   di notte    e    nelle    albe    gelide    per    la    tormenta;    quando    i    sensi sembrano   impazzire   davanti   al   vuoto   e   lo   sguardo   sembra non   trovare   un   punto   su   cui   posarsi…C'è   poi   l'insidia   delle valanghe che in un attimo ti travolgono e ti seppelliscono. Il    nostro    protagonista    diventa    innocente    testimone    della tragedia   della   guerra,   combattuta   con   il   sangue   di   tanti   piccoli grandi uomini come lui. Entrambi   gli   eserciti   sferrano   attacchi   dai   promontori   e   dalle sporgenze    rocciose,    arrampicandosi    e    calandosi    carichi    di granate   e   bombe   a   mano   da   lanciare   sui   nemici.   Intanto,   il freddo,   le   slavine,   le   malattie   e   la   fame   proseguivano   il   loro lavoro   uccidendo   chi   non   moriva   in   altro   modo.   Morti   inutili, condizioni   penose…   Per   fortuna   ha   alcuni   compagni   d'arme con   i   quali   condividere   ogni   giorno   (che   può   essere   l'ultimo), dividere    il    rancio,    ed    una    lampada    a    petrolio    in    cui    scrive commoventi   lettere   alla   sua   morosa,   nel   freddo   delle   notti trapuntate   di   stelle….   Ma   c'è   anche   lo   scambio   di   auguri   con   i nemici,    poveri    soldati    travolti    anche    loro    da    quell'immane tragedia.   E   le   lettere   che   non   giungono,   a   causa   della   censura che   stende   un   velo   sugli   orrori   della   guerra,   enfatizzando   solo gli eventi positivi… Attraverso   le   toccanti   parole   del   protagonista,   che   racconta   la verità   umana   della   guerra,   il   pubblico   è   immerso   in   una   storia in   cui   a   momenti   lancinanti   si   affiancano   episodi   di   toccante umanità e anche di sano umorismo. Lo    spettacolo    è    liberamente    ispirato    al    libro    di    Maurizio Abastanotti   "Del   mio   lungo   silenzio"   (Liberedizioni),   ma   con rimandi   a   Lussu,   Gadda,   Ungaretti   e   a   Remarque   (l'autore   di "Niente di nuovo sul fronte occidentale"). Come     già     per     "La     guerra     negli     occhi"     e     per     "Dov'è Nicolajewka?"    ,    anche    questo    spettacolo    può    divenire    una proposta   per   istituzioni,   associazioni   e   scuole   impegnate   nel ricordo   di   una   delle   pagine   più   strazianti   e   umane   della   storia del nostro Paese.  scarica la locandina in pdf